igiene degli alimenti: etichettatura dei prodotti alimentari e somministrazione olio di oliva in contenitori antirabbocco

20140628_132120_resizedObbligo per i pubblici esercizi di utilizzare per la somministrazione dell’olio di oliva vergine confezioni fornite di particolari dispositivi di chiusura.
Dallo scorso 25 novembre, per effetto dell’entrata in vigore dell’art. 18 della legge 30 ottobre 2014, n. 161, “Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea – Legge europea 2013-bis”, gli oli di oliva vergini proposti in confezioni nei pubblici esercizi, fatti salvi gli usi di cucina e di preparazione dei pasti, devono essere presentati in contenitori etichettati conformemente alla normativa vigente, forniti di idoneo dispositivo di chiusura in modo che il contenuto non possa essere modificato senza che la confezione sia aperta o alterata e provvisti di un sistema di protezione che non ne permetta il riutilizzo dopo l’esaurimento del contenuto originale indicato nell’etichetta.

La violazione della norma è punita con una sanzione amministrativa da euro 1.000 a euro 8.000 e con la confisca del prodotto.

E’ scaricabile un vademecum sulla nuova etichettatura dei prodotti alimentari in vigore dal prossimo 13 dicembre.

Etichettatura dei prodotti alimentari